Le Erbe Aromatiche e Officinali

Le erbe officinali possono essere raccolte in qualunque momento del loro ciclo di vita (ciclo vegetativo), ma solo in determinati periodi i loro principi attivi sono più concentrati (tempo balsamico(compreso fra l’inizio della fioritura e il momento del massimo rigoglio)), in funzione della stagione, età della pianta e ora del giorno.

Quest’ultimo parametro è molto importante, perché nelle ore centrali della giornata la temperatura può addirittura alterare i principi attivi e le parti più sensibili a queste alterazioni sono soprattutto foglie e fiori, essendo le più acquose.

E’ consigliabile effettuare la raccolta al mattino, non appena scompare la rugiada, o al tramonto ma senza aspettare troppo onde evitare che le sostanze accumulate per fotosintesi durante il giorno passino in altri organi.

Naturalmente vanno eliminate quanto più possibile le malerbe, che tolgono sostanze nutritive alle piante.

 

  • Foglie o steli delle erbe annuali devono essere tagliati quasi al livello del suolo, dove si trovano quelle migliori;
  • Le foglie delle piante perenni vanno tagliate meno drasticamente, per non compromettere successivi raccolti, ma lasciandone alla pianta non più della metà in modo da poterne fare più d’uno durante il ciclo vegetativo.

La Raccolta

Per la raccolta vanno utilizzati cestini foderati di tela a trama larga in modo che le foglie comincino ad essiccare senza perdere le proprie peculiarità.

  • La raccolta dei fiori va effettuata nello stesso periodo, avendo cura di maneggiarli solo per i peduncoli ed evitando di disporli a più strati;
  • Frutti e semi si raccolgono, recidendo la pianta, quando sono completamente maturi; meglio se al mattino presto;
  • Radici, tuberi e rizomi vanno estratti al termine del periodo vegetativo, quando è massimo l’accumulo delle sostanze di riserva (autunno inoltrato o inverno nella maggior parte dei casi, facendo attenzione che non si tratti di una pianta che invece lo conclude in un altro periodo).

 

Non raccogliere mai con la pioggia, la nebbia o il tempo umido! Se ha   piovuto aspettare uno o due giorni, solo le piante asciutte si prestano a essere conservate.