La Cura dei fiori recisi

Quando e come raccogliere i fiori

Il momento migliore per raccogliere, in natura, i vegetali è in assenza di sole.

Sono preferibili le prime ore del mattino, o quelle del tardo pomeriggio.

I vegetali quando non sono sottoposti al calore del sole, sono più turgidi e ricchi di acqua, quindi, una volta sistemati nei vasi….

Questi sono nostre piccole ma significative note affinché possiate godere il più a lungo possibile del colore e della bellezza dei fiori recisi che avete acquistato o Vi sono stati donati.
12 consigli per mantenere al meglio e più a lungo i fiori recisi:

1. All’ acquisto badate che i fiori siano sufficientemente maturi. I boccioli devono mostrare il loro colore.

2. I fiori vanno confezionati bene quando sono portati a casa, per prevenire eventuali danneggiamenti ai fiori e agli steli durante il trasporto.

3. Riempire un vaso di acqua pulita dopo averlo ben sciacquato se necessario anche con candeggina.

4. Mettere i fiori, ancora confezionati, in acqua pulita in modo che possano assorbire acqua a sufficienza. Per taluni fiori a gambo molle la dose di acqua deve essere ridotta: per le gerbere deve essere di circa 6-10 cm. Per le rose l’altezza dell’acqua deve essere almeno pari al 40% dell’altezza della rosa.

5. Se aggiungete la giusta dose di nutrimento per fiori recisi all’acqua, i fiori si conservano più a lungo. Quando non è disponibile il nutrimento utilizzare qualche goccia di candeggina pura, non profumata, allo scopo di ritardare la formazione di batteri nell’acqua. Va bene anche dello zucchero che svolge la stessa funzione. Provate anche con un piccolo filo di rame. Cercare di cambiare l’acqua anche tutti i giorni se non c’è il nutrimento

6. Prima di collocare i fiori nel vaso, eliminate circa tre centimetri dall’estremità dello stelo, con un taglio obliquo(le rose anche di 3 o 4 cm) con una lama affilata. Sarebbe opportuno che tale operazione fosse fatta mantenendo il taglio sott’acqua per evitare che si formino bolle di aria nei vasi (linfatici) dello stelo che rendono difficoltosa l’aspirazione dell’acqua verso il fiore e le foglie. Ripetere l’operazione di taglio giornalmente di almeno 1 centimetro. Togliere sempre le foglie inferiori in modo che non siano a contatto con l’acqua.

7. Gli steli non vanno mai spezzati, né schiacciati, neanche quelli legnosi.  Raschiare lo stelo significa ridurre la durata del fiore.

8. Le foglie non devono venire a contatto con l’acqua, in quanto l’inquinano, riducendo così la durata dei fiori.

9. Bisogna aggiungere regolarmente acqua pulita al vaso.

10. Di notte i fiori preferiscono un ambiente fresco.

11. I narcisi richiedono un trattamento speciale perché secernono una mucillagine nociva agli altri fiori.
Metteteli da parte, in acqua, per un intero giorno e non tagliateli più prima di combinarli con altri fiori.
E’ comunque disponibile in commercio un nutrimento speciale per narcisi che permette di utilizzarli direttamente in un bouquet misto.

12. I fiori non sopportano il contatto diretto con i raggi solari nè le correnti d’aria. Non esporre i fiori al sole né alle correnti d’aria e neppure vicino a qualunque fonte di calore perché in tal modo viene accelerata l’evaporazione dell’acqua dalle foglie e dal fiore che non può essere compensata dall’aspirazione dei fiori dell’acqua dal vaso.
Un ambiente asciutto e caldo fa sempre avvizzire velocemente i fiori. Non posizionarli mai vicino alla frutta perché essa emana etilene che è un potente veleno per i fiori e li fa appassire molto velocemente.